BUONI SPESA COVID-19

E' possibile scaricare il modulo per la richiesta dei buoni spesa per le famiglie in difficoltà determinata dall'emergenza COVID-19. Di seguito alcune informazioni:

SCARICA IL MODULO DA STAMPARE, COMPILARE E TRASMETTERE

1. Chi può fare richiesta
Possono fare richiesta, prioritariamente, i cittadini bisognosi colpiti dalla situazione economica determinatasi per effetto dell’emergenza COVID-19.


2. Priorità nella concessione dei buoni spesa
I buoni spesa alimentari saranno erogati secondo le seguenti priorità:
1. soggetti privi di qualsiasi reddito e/o copertura assistenziale;
2. nuclei familiari monoreddito, derivante da lavoro dipendente il cui datore di lavoro abbia richiesto ammissione al trattamento di sostegno al reddito a zero ore ai sensi del DL 18/2020;
3. nuclei familiari che non siano titolari di alcun reddito e nuclei familiari monoreddito, derivante da attività autonoma il cui titolare dell'attività abbia richiesto trattamento di sostegno al reddito ai sensi del DL 18/2020;
4. nuclei familiari monoreddito derivante da lavoro dipendente il cui datore di lavoro abbia richiesto ammissione al trattamento di sostegno al reddito ai sensi del DL 18/2020 a ridotto l'orario di lavoro;
5. nuclei familiari segnalati da soggetti del terzo settore non beneficiari di titolari di trattamenti
pensionistici validi ai fini del reddito;
6. nuclei familiari in carico ai servizi sociali, anche beneficiari del reddito di cittadinanza, sulla
base dei bisogni rilevati nell’ambito dell’analisi preliminare o del quadro di analisi da
effettuarsi a cura dell’Assistente sociale di riferimento, con priorità per chi fruisce di un
minore beneficio.
Nella concessione dei buoni spesa alimentare si terrà conto del valore dei risparmi immediatamente
disponibili, alla data di presentazione della domanda, dichiarato dal richiedente.
3. Entità dei buoni spesa
Il valore dei buoni spesa è articolato secondo la seguente modalità:
- nucleo familiare composto di n. 1 persona € 150,00
- nucleo familiare composto di n. 2 persone € 200,00
- nucleo familiare composto di n. 3 persone € 250,00
- nucleo familiare composto di n. 4 persone € 300,00
- nucleo familiare composto di n. 5 persone € 350,00
- nucleo familiare composto di n. 6 persone € 400,00
- nucleo familiare composto da oltre 7 persone € 500,00
L'Ufficio Servizi Sociali in esito alle domande pervenute redige l’elenco dei beneficiari ai quali
distribuire i buoni spesa;
L’elenco che rimarrà per motivi di riservatezza depositata agli atti dell'ufficio servizio sociale del
comune sarà suscettibile di modifiche a seguito di eventuali sopravvenienze sempre collegate
all'attuale stato di emergenza, previa verifica dell'Assistente sociale Comunale;
I buoni spesa alimentare saranno emessi con pezzature da € 10, 25 e 50, fino all'importo massimo
erogato.
La periodicità dell’erogazione sarà determinata in funzione delle risorse complessivamente
disponibili.
4. Modalità di erogazione dei buoni spesa
L’attribuzione dei buoni spesa alimentare sarà determinato, ad insindacabile giudizio del
Responsabile dell’Area Amministrativa – Affari Generali, tenendo conto delle condizioni di cui
all’art. 2.
Il beneficiario consegna ad uno o più esercizi commerciali prescelti in fase di presentazione
dell’istanza, i buoni alimentari ottenuti, apponendo la data di utilizzo e la firma.
L’esercizio commerciale, con cadenza minima settimanale, o secondo la tempistica e gli importi
maggiormente rispondenti alla propria organizzazione, emetterà fattura allegando i buoni utilizzati
dai beneficiari.
L’Ufficio provvede alla liquidazione delle fatture emesse dagli esercizi commerciali entro giorni 8
dal ricevimento.
5. Modalità di presentazione della domanda
La domanda dovrà essere presentata utilizzando l’apposito modello predisposto dall’Ufficio e
dovrà pervenire all’Ufficio Protocollo di questo Ente e dovrà essere indirizzata all'Ufficio
Servizi Sociali con la seguente dicitura “Manifestazione di Interesse per fornitura di prodotti
alimentari e generi di prima necessità” secondo una delle seguenti modalità:
? a mezzo pec: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
? a mezzo mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
? consegna a mano, solo in caso di assoluta impossibilità di utilizzare le modalità
sopraindicate e previo appuntamento telefonico al fine di evitare assembramenti di persone,
nel palazzo Municipale.
6. Ulteriori Informazioni
Per ulteriori informazioni è possibile contattare i seguenti numeri:
Responsabile Area Amministrativa – Affari Generali: 0909700336;
Ufficio Servizi- Sociali: 0909700324 – Ufficio URP 0909700350.
7. Controlli
Il Comune effettuerà i dovuti controlli, anche a campione, circa la veridicità delle dichiarazioni
sostitutive rese ai fini della partecipazione al presente bando, anche richiedendo la produzione di
specifica attestazione ISEE, non appena le direttive nazionali consentiranno la normale ripresa delle
attività.
Si ricorda che, a norma degli artt. 75 e 76 del D.P.R. 28/12/2000, n. 445 e successive modificazioni
ed integrazioni, chi rilascia dichiarazioni mendaci è punito ai sensi del codice penale e delle leggi
speciali in materia e decade dai benefici eventualmente conseguenti al provvedimento emanato sulla
base della dichiarazione non veritiera.
8. Responsabile del Procedimento
Il Responsabile del Procedimento Dott.ssa Anna Beatrice Rizzo, Responsabile Area Amministrativa
– Affari Generali.
9. Pubblicità
Il presente avviso sarà pubblicato unitamente al modello di domanda e all’elenco degli esercizi
commerciali che hanno aderito all’iniziativa secondo le seguenti modalità:
- nella home page del sito istituzionale del Comune, nonché nella sezione avvisi dello stesso.
10. Informativa sul trattamento dei dati personali REG. UE N° 679/2016
Il Comune di Terme Vigliatore, in qualità di titolare del trattamento, tratterà i dati personali conferiti con
modalità prevalentemente informatiche e telematiche in ottemperanza a quanto previsto dal Reg. UE numero
679/2016.

BUONI SPESA REGIONALI COVID-19

E' possibile scaricare il modulo per la richiesta dei buoni spesa regionali per le famiglie in difficoltà determinata dall'emergenza COVID-19.

Possono richiedere i buoni anche chi ha già presentato la richiesta per quelli erogati dal comune.

Di seguito alcune informazioni:

SCARICA IL MODULO DA STAMPARE, COMPILARE E TRASMETTERE

A favore dei soggetti facenti parte di nuclei familiari che si trovano in stato di bisogno a causa dell’emergenza socio-assistenziale da CODIV-19, in ottemperanza a quanto previsto dalla Deliberazione della Giunta Regionale n. 124 del 28/03/2020 e s.m.i. e dal D.D.G. n. 304 del 04 aprile 2020 del Dipartimento reg.le della Famiglia e delle Politiche Sociali, è disposta l’assegnazione di  BUONI SPESA / VOUCHER PER L’EMERGENZA SOCIO-ASSISTENZIALE DA COVID- 19 PER L’ACQUISTO DI BENI DI PRIMA NECESSITA’ (ALIMENTI, PRODOTTI
FARMACEUTICI, PRODOTTI PER L’IGIENE PERSONALE, BOMBOLE DEL GAS) a valere sulle risorse messe a disposizione dal Programma Operativo FSE Sicilia 2014-2020, (Asse 2 Inclusione Sociale - Priorità di investimento 9.i) - Obiettivo specifico 9.1 - Azione di riferimento
9.1.3).
I buoni spesa/voucher per singolo nucleo familiare hanno un valore unitario massimo di:
• 300,00 € per un nucleo composto da una sola persona;
• 400,00 € per un nucleo composto da due persone;
• 600,00 € per un nucleo composto da tre persone;
• 700,00 € per un nucleo composto da quattro persone;
• 800,00 € per un nucleo composto da cinque o più persone.

 

Il buono spesa/voucher sarà corrisposto per il periodo dell’emergenza e, comunque, fino ad esaurimento dell’importo assegnato al Comune, ai nuclei familiari che si trovano in stato di bisogno, con le seguenti modalità e condizioni:

- l’istanza potrà essere validamente presentata dall’intestatario della scheda anagrafica del nucleo familiare, residente nel Comune, il cui nucleo familiare presenta le seguenti condizioni:

a) non percepisce alcun reddito da lavoro, né da rendite finanziarie o proventi monetari a carattere continuativo di alcun genere;

b) non risulta destinatario di alcuna forma di sostegno pubblico, a qualsiasi titolo e comunque denominata (indicativamente: Reddito di Cittadinanza, REI, Naspi, Indennità di mobilità, CIG, pensione, ecc.);

c) nucleo familiare destinatario di precedenti forme di sostegno pubblico, a qualsiasi titolo e comunque denominato, ovvero di buoni spesa/voucher erogati ad altro titolo per emergenza COVID19, per un importo inferiore rispetto ai valori unitari sopra riportati; in tal caso, allo stesso potrà essere attribuita la differenza tra l’importo massimo previsto dal presente Avviso e l’importo percepito a valere sui precedenti benefici;

- non saranno prese in considerazione le istanze dei nuclei familiari le cui forme di sostegno pubblico, a qualsiasi titolo e comunque denominato, ovvero di buoni spesa/voucher erogati ad altro titolo per emergenza COVID-19, superano i parametri economici prima indicati;

- le risorse sono destinate “prioritariamente ai nuclei familiari che non percepiscono alcuna altra forma di reddito o alcuna altra forma di assistenza economica da parte dello Stato, compresi ammortizzatori sociali e reddito dei cittadinanza”, di cui alle precedenti lettere a) e b). Il modello di istanza con dichiarazione (sotto riportata) deve pervenire al Comune entro il 07/05/2020 e può provvedersi: - prioritariamente a mezzo e-mail/PEC agli indirizzi:

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

oppure,

- solo in caso di estrema difficoltà ad inviare e-mail / PEC, consegna brevi manu.

Il Comune condurrà verifiche a campione sulla veridicità delle istanze ricevute. Eventuali false dichiarazioni, oltre rispondere del reato di falso alle autorità competenti, faranno perdere al nucleo familiare destinatario ogni diritto in relazione al presente Avviso con obbligo di restituzione delle somme percepite.

 

 

Papa Francesco e la corruzione

Papa Francesco contro la corruzione:
“E’ una bestemmia, un cancro che logora le nostre vite. Bisogna combatterla insieme”

foto SIR/Marco Calvarese

La corruzione come “bestemmia” e “cancro che logora le nostre vite” da combattere tutti insieme, “persone di tutte le fedi e non credenti”, perché “siamo fiocchi di neve, ma se ci uniamo possiamo diventare una valanga“. L’appello di papa Francesco per la lotta “alla peggiore piaga sociale” arriva dalle pagine del libro Corrosione, scritto dal cardinale ghanese Peter Kodwo Appiah Turkson, prefetto del Dicastero per il servizio dello sviluppo umano integrale.

"Dobbiamo parlare di corruzione, denunciarne i mali, capirla, mostrare la volontà di affermare la misericordia sulla grettezza, la curiosità e creatività sulla stanchezza rassegnata, la bellezza sul nulla”, è il monito di Bergoglio. La prefazione, anticipata dal Corriere della Sera, è un attacco a tutto campo alla corruzione, definita dal papa come l’espressione della “forma generale della vita disordinata dell’uomo decaduto” che ricorda un cuore “rovinato come un corpo che in natura entra in un processo di decomposizione e manda cattivo odore”.

Scrive il pontefice: “La corruzione rivela una condotta anti-sociale tanto forte da sciogliere la validità dei rapporti e quindi, poi,  i  pilastri  sui  quali  si  fonda  la  società:  la coesistenza fra

 

persone e la vocazione a svilupparla”, perché sostituisce “il bene comune con un interesse particolare che contamina ogni prospettiva generale”.

La corruzione, continua papa Francesco, è all’origine dello “sfruttamento dell’uomo sull’uomo”, “del degrado e del mancato sviluppo” e del “traffico di persone e di armi”. E anche dell’incuria, dell’assenza di servizi alle persone. Non a caso, accusa nella lunga prefazione al libro di Turkson edito da Rizzoli, è il linguaggio più comune delle mafie che si alimentano di questo “processo di morte”.

E’ necessaria “profonda questione culturale“, soprattutto in un momento in cui – prosegue Bergoglio – “molti non riescono a immaginare il futuro“: “Ne va della presenza della speranza nel mondo, senza la quale la vita perde quel senso di ricerca e possibilità di miglioramento che la rende tale”.

 

Il sito www.acli.net è edito da "Progetto Sociale" soc. coop. a r.l.